Calendario Laico di Marcus Prometheus – 1 Gennaio

C A L E N D A R I O     L A I C O     di    Marcus  Prometheus

dedicato a quella Italia libera, illuminista, umanista, risorgimentale,

scettica, laica, atea, agnostica, razionale, critica dei mali di tutti i fideismi e millenarismi, memore di storia patria e di mitologia classica, attenta alle scoperte

della scienza ed alle tappe di progresso materiale della vita moderna.

Il futuro appartiene a chi ha la memoria piu’ lunga.   Friedrich Nietzsche 

  

Anno   MMDCCLXVIII  a.U.c.  =   2768  ( = ab Urbe condita  = anno Urbis conditae )

( Anno convenzionale,    anche se  più esattamente saremmo ancora nell’anno precedente

fino  al  21 Aprile,  data della  fondazione di Roma (753 aev))

Anno  2015 era volgare  = d.c.= data convenzionale
MESE DI GENNAIO    Giorni da 1 a 31 dell’anno normale o anche bisestile.

GENNAIO, (it.) Janvier (fr.) Ianuarius (latino)  Januar (ted),  January  (ingl.),  Enero (sp.) Ianuarie (romeno).

Gennaio e Febbraio eran mesi che non esistevano nel calendario di Romolo Quirino (di soli 304 giorni su 10 mesi).

Furono aggiunti da Numa Pompilio alla fine dell’anno del calendario di Quirino

Gennaio (etimologicamente significa  di Giano) è mese dedicato dai nostri progenitori a Giano Giano (Ianus)  divinità italica guardiana delle porte e dei cancelli e che simboleggia gli inizi.   Le sue due teste alludono alle due direzioni verso cui si aprono le porte. Giano bifronte pertanto ci vuol dire che il corso degli eventi futuri è nelle nostre mani, non è scritto in cielo.

Il mese era anche dedicato ad Esculapio, a Giunone ed a  Vediovis o Veiovis il Giove in forma giovanile o l’anti Giove, il dio cattivo patrono dell’oscurita’, delle punizioni e delle vendette,  dio arcaico di origine Etrusca.

La mitologia romana esprimeva realisticamente che le forze della natura (idealizzate ed antropoformizzate in dei) non erano sempre benevole verso gli uomini. Il politeismo non conosceva né  dogmi né  eresie, (invenzioni disastrose del monoteismo cristiano).  Al contrario, il mito lasciava alla fantasia ogni libertà di interpretazione.  Per esempio Veiovis fu identificato in tempi tardi con Plutone, Apollo, Giove bambino o Giove poeta senza che nascesse mai alcuna  guerra di religione fra le varie interpretazioni.

La principale differenza fra monoteismo e politeismo è stata individuata da autori laici come Manacorda non nel numero degli dei fatti oggetto di venerazione, ma proprio nel diverso atteggiamento di fronte a mito liberamente interpretabile piuttosto che  verità rivelata e dogma da imporre a tutti.

Gennaio  corrispondeva grosso modo al sesto mese del Calendario Attico degli Ateniesi detto dagli antichi greci   Gamelion

Nel calendario rivoluzionario repubblicano (1793-1805) Gennaio corrispondeva per due decadi ( fino al 20/1~)  al mese Nevoso  o Nivose  (fr),  (e per la decade finale, al mese di Piovoso,  Pluviose  in francese).

       

I Gennaio  MMDCCLXVIII a.U.c.    (2768esimo ab Urbe condita = dalla fondazione di Roma)
1 Gennaio  2015   e.v. (= era volgare = d.c.= data convenzionale),

–  1º di 365 giorni. – 1ª settimana

1 Gennaio Roma antica:   K. Ian. =  Kalendae Ianuariae (nominativi plurali =Calende di Gennaio)prometheustravels

Si diceva anche Kalendis Ianuariis. (ablativi plur. = Alle Calende di Gennaio)

Le Calende a Roma erano il giorno in cui scadevano i pagamenti degli interessi. In periodi economicamente calmi l’interesse era di mezzo punto percento al mese, (6% annuo) cioè molto contenuto.

1 Gennaio Roma antica: Festa di Giunone, moglie di Giove e patrona dei matrimoni e delle nascite.

Juno, detta anche  Saturnia come figlia di Cronos-Saturno  (e di Rhea)  chiamata Hera dai Greci, ed Uni dagli Etruschi era la tipizzazione delle virtù (e difetti) di mogli e madri ed era la divinità del matrimonio e della procreazione di figli. Era incline all’ira violenta quando Zeus si concedeva delle scappatelle. Inizialmente fu dea lunare presso i romani, e  poiché luna è sinonimo di mese Giunone presiedeva al calendario.

1 Gennaio Roma antica:  Ricorreva anche la festa di  Esculapio  (Aesculapius latino)  dio della medicina che è il tipo dell’eroe civilizzatore: nato mortale, o semidio, il greco Asklepios era figlio di Apollo e di una mortale, figlia di un re dei Lapiti.  Educato dal centauro Chirone ai segreti della taumaturgia e delle piante medicinali, E. di notte, ad Epidauro, leniva ogni dolore guariva le malattie, rigenerava le meprometheustravelsmbra, addirittura resuscitava i morti. Questa cura   verso gli uomini, (con affetto simile a quello di Prometeo)  sminuiva il potere di Ades (Plutone) dio dei mortie e così Zeus  lo uccise col fulmine fornitogli dai Ciclopi. Apollo poi vendicò il figlio uccidendo i Ciclopi. Anche dal sacrificio di Esculapio può aver preso ispirazione il mito cristiano della passione di Gesu’. I templi di E. in tutto il mondo greco romano erano cliniche ed i suoi preti erano anche medici. Era raffgurato come un vecchio sereno con barba e con un serpente. E. è collegato anche al simbolismo del fuoco  purificatore (anche in medicina): Infatti nacque nel fuoco (Apollo lo estrasse dal ventre in fiamme della madre Koronis) e morì di fulmine.

1 Gennaio Roma antica:  Ricorreva anche la festa di  Vediovis o Veiovis dio infernale della mitologia arcaica romana, di origine etrusca, patrono dell’oscurita’, delle pene e delle vendette,  una specie di antidio rispetto a Giove patrono della luce. In periodo tardo iniziò ad essere confuso sia con Plutone, per somiglianza di attributi infernali, sia addirittura a Giove (come Giove bambino  o Giove  poeta) ed infine ad Apollo dei questi che avevano attributi luminosi esattamente contrari al Ve-Iovis arcaico La sua sprometheustravelstatua teneva in mano delle frecce a simboleggiare la sua capacità di nuocere agli umani. L’animale a lui consacrato era la capra.

1 Gennaio – 153 a.e.v.  (e successivi ): Festa di Capodanno.  Anche gli antichi romani in questo giorno si scambiavano strenae (strenne).  Tuttavia nei primi sei secoli di Roma l’anno iniziava il primo Marzo.   Fu  nel 153 prima dell’era volgare che questo giorno diventò l’inizio dell’anno civile, come data d’inizio del mandato annuale per i Consoli (che prima avveniva il 15/3, mentre l’anno iniziava col 1/3).

1 gennaio169  Lucio Vero Commodo fratello di Marco Aurelio muore ad Attino. M. Aurelio rimane  il solo imperatore, ma già (nonostante la teorica diarchia), la responsabilità del governo dell’impero dalla morte di Antonino 7/3/161 era stata sempre dell’imperatore filosofo  .

1 gennaio193. Ieri era stato avvelenato l’imperatore Commodo. I pretoriani oggi nominano Pertinace imperatore. Il 28/3/193 Dopo tre mesi di buongoverno P. fu assassinato dagli stessi  pretoriani che lo avevano eletto perché egli non volle dilapidare le finanze statali in loro favore. Questo è il secondo periodo di anarchia nella successione imperiale (dopo il 69, “anno dei 4 imperatori” ). Succede a Pertinace il mediolanense Didio Giuliano, noto per le sue grandi ricchezze, ma dura solo un mese fino al 1/6/193  quando è assassinato dai soliti pretoriani. Il terzo imperatore in un  semestre  ha più fortuna:   Settimio Severo, nativo di Leptis Magna in Tripolitania, è nominato dalle sue legioni pannoniche. Nel 194 Settimio Severo sconfigge il rivale Pescennio Nigro, eletto dalle legioni di Siria, e ottiene il titolo di Pontefice Massimo e padre della patria. Clodio Albino, eletto dalle truppe della Britannia, diventa co-imperatore. Ma non dura: nel  197 Settimio Severo sconfigge presso Lione Clodio Albino e nomina Cesare il figlio (M. Aurelio Antonino Caracalla). Settimio Severo istituì l’annona militare,  ossia l’obbligo di consegna da parte di proprietari agricoli del raccolto per il vettovagliamento dell’esercito. Ma ne conseguì un massiccio abbandono dei campi per l’inurbamento).   Nel 202   Settimio Severo emanò un provvedimento contro il proselitismo ebraico e cristiano (non contro il culto).

1 Gennaio 404 era volgare, ultimi ludi gladatorii tenuti a Roma.
1 Gennaio 1430 Gli ebrei di Sicilia da oggi non sono più obbligati ad ascoltare prediche per la loro conversione.

1 Gennaio 1449 nasce Lorenzo de’ Medici , il Magnifico Signore di Firenze.

1 Gennaio 1557   Jacques Cartier esploratore francese del Canada, muore 65enne.

1 Gennaio 1793  Francesco Guardi pittore muore 80enne.

1 Gennaio 1802 Thomas Jefferson, in una lettera scritta alla Danbury Baptist Association [Conneticut], conia la metafora, “un muro di separazione fra Chiesa e Stato.” Dal 1947, il concetto del “muro di separazione” è stato accettato ufficialmente come guida costituzionale negli USA.
1 Gennaio 1817  muore 73enne Martin H Klaproth chimico tedesco scopritore dell’uranio.
1 Gennaio 1849  Accidenti a Pio IX, papa (1846-78) che oggi scomunicò tutti i patrioti favorevoli all’Unità ed al Risorgimento d’Italia.            Condanno’ anche la libertà di pensiero e di opinione, l’insegnamento laico, persino la luce elettrica. Nel 1850 proibì agli ebrei di Roma di testimoniare contro i cristiani nei processi penali e civili, di possedere immobili; di accedere alla scuola pubblica e all’università (eccetto la facoltà di medicina).

1 Gennaio 1854 nasce Sir James Frazer  antropologo  e scrittore britannico autore de “Il ramo d’oro” opera sulla magia e la religione del 1890 che ebbe grande influenza sulla nascente etnologia. Scrisse anche “totemismo ed esogamia” nel 1910.

1 Gennaio 1871 La Chiesa d’Irlanda (protestante) viene dissolta formalmente ed annessa all’anglicana. Allineata con l’Anglicanesimo dal 1537, la Chiesa d’Irlanda rappresentava solo il 12% della popolazione irlandese  nel 1850.
1 Gennaio 1925 La capitale della  Norvegia,  Christiania,  secolarizza il suo  nome in Oslo.
1 Gennaio  1928 il primo edificio per uffici dotato di aria condizionata apre a San Antonio nel Texas.
1 Gennaio 1935 Il presidente turco Mustapha Kemal pasha, prende il nome  di “Atatürk”, padre della Turchia.

1 Gennaio 1936 il New York Herald Tribune è il primo giornale che  microfilma i suoi numeri correnti.
1 Gennaio 1946   Hirohito imperatore del Giappone sconfitto annuncia che egli non è più un dio.
1 Gennaio 1946 ENIAC,  il primo  computer è completato da  Mauchly  ed Eckert.
1 Gennaio 1948 entrata in vigore dell’attuale costituzione italiana che nell’art. 7, recepisce i patti Lateranensi col Vaticano. Secondo autorevoli scuole di pensiero, l’ateismo nella costituzione è  “lecito ed irrilevante”. I laici propongono l’abolizione dell’articolo 7 nonché del concordato con la Chiesa secondo il principio liberale di  Cavour  “libera chiesa in Libero stato”.

1 Gennaio 1948 Entra in funzione il “GATT’ primo accordo generale sulle tariffe ed il commercio (General Agreement on Tariffs & Trade ). La liberalizzazione del commercio mondiale sarà una delle chiavi dello sviluppo.
1 Gennaio 1958 inizia ad operare la Comunità Economica Europea  (Mercato Comune) come stabilito dal trattato di Roma del 25/3/1957. Ne fanno parte 6 paesi: Italia Francia Germania Belgio Olanda e Lussemburgo.

1 Gennaio 1973 Gran Bretagna,  Irlanda e Danimarca entrano nel Mercato Comune che ha così 9 membri.

(Il X membro sarà la Grecia, l’unica ad aderire da sola).
1 Gennaio 1977 La Resistenza anticomunista degli intellettuali di Praga si unisce nel gruppo per i diritti umani Charta 77, illegale in Cecoslovacchia.
1 Gennaio 1986 Spagna e Portogallo entrano nel Mercato Comune che ha così 12 membri.
1 Gennaio 1994 Entra in vigore fra Canada, USA, Messico. il NAFTA ( Accordo NordAmericano di Libero Scambio).
1 Gennaio 1995 Austria, Finlandia e Svezia aderiscono all’Unione Europea che ha così 15 membri.

1 Gennaio 2003 Muore Giorgio Gaber cantautore. Di lui cito  IL POTERE DEI PIÙ BUONI

( tratto da: “La mia generazione ha perso”): Penso ad un popolo multirazziale / ad uno stato molto solidale /   che stanzi fondi in abbondanza /       perchè il mio motto è l’accoglienza /              penso al problema degli albanesi dei marocchini e dei senegalesi / bisogna dare appartamenti /   ai clandestini e anche ai parenti /                       e per gli zingari degli albergoni / con frigobar e televisori. / Penso al recupero dei criminali / delle puttane e dei transessuali /             penso allo stress degli alluvionati /    al tempo libero dei carcerati. Penso alle nuove povertà /      che danno molta visibilità. /   Penso che è bello sentirsi buoni usando i soldi degli italiani.